fbpx

IL VALORE RW NELL’ISOLAMENTO ACUSTICO DELLE FINESTRE

Il confort abitativo della nostra casa determina il nostro livello di benessere e va ad incidere direttamente sulla qualità della nostra vita.


Per questo è importante riuscire ad assicurare ottimi livelli di comfort nella nostra abitazione.


Il rumore del traffico proveniente dall’esterno, delle attività lavorative della città, rumori molesti causati dal vicinato rischiano seriamente di minacciare il nostro benessere e di impedirci di godere appieno del piacere di vivere la propria casa.


L’inquinamento acustico causa suoni invadenti, sgradevoli e dannosi e va ad alterare le nostre normali funzioni quotidiane, come il dormire o il concentrarsi su una attività, e causa condizioni di stress psicologico, di disagio e di malessere generale.


Senza volerci troppo soffermare su cosa è il suono e come si propaga, (per cui rimandiamo a Gli infissi adeguati possono assicurare un ottimo comfort acustico alla casa) oggi vogliamo soffermarci sul significato del valore Rw delle finestre e sull’isolamento acustico delle finestre.

 

Il valore Rw

La capacità di isolamento acustico di una finestra è determinato dal valore Rw, che è un valore espresso in decibel (dB) e che dichiara la capacità di un elemento di diminuire il passaggio del rumore.


Più alto sarà il valore Rw, maggiore sarà la prestazione acustica dell’elemento considerato e migliore sarà la coibentazione.


L'isolamento acustico indica quanta energia sonora viene lasciata passare rispetto a quella originaria.
Se l'isolamento è pari a 10 dB passa un 1/10 dell'energia sonora originaria. Se è pari a 20 dB, 1/100 se è di 30 dB 1/1000 e così via.


La legge di riferimento nel campo dell’isolamento acustico è il D.P.C.M. 5/12/1997 che definisce le prestazioni che devono possedere gli edifici in merito all’isolamento dai rumori provenienti da diverse fonti.


Questa stabilisce che le pareti (comprese le finestre) degli edifici residenziali devono essere in grado di abbattere i rumori provenienti dall’esterno di almeno 40 dB.


I serramenti moderni consentono di ottenere valori di isolamento acustico fino ad un valore Rw di 44/46 dB in conformità anche con la regolamentazione EN ISO 717-1.


Bisogna però considerare il fatto che i valori certificati delle finestre sono ottenuti in laboratorio e si riferiscono sempre a una frequenza costante di 500 Hz, mentre l’effettivo potenziale di isolamento varia in funzione della frequenza del rumore stesso. Per questo nella fase di posa in opera si verifica una riduzione dei valori dichiarati.

 

Isolamento acustico delle finestre

Nell’isolamento acustico di un ambiente, le superfici vetrate, gli infissi e i cassonetti, sono punti critici, perché sono facili fonti di propagazione del rumore.


Per questo, in fase di progettazione, questi elementi vanno attentamente vagliati nel decidere quali installare.


Infatti, non è un unico elemento della finestra ad assicurare un buon isolamento acustico, che è piuttosto determinato dalla giusta combinazione dei singoli componenti costruttivi.


La scelta del serramento va, poi, correlata alla destinazione d’uso del locale nel quale l’infisso deve essere collocato e al livello di rumore esterno.


L’efficacia dell’isolamento acustico dipende, fondamentalmente, da vari fattori:

  • materiale del telaio
  • tipologia di vetro isolante
  • guarnizioni
  • distanziali
  • posa in opera


Per quanto riguarda l’ultimo punto, bisogna avere molta accortezza nella posa in opera, perché un lavoro svolto male, rischia di causare pericolosi ponti acustici, che andranno a vanificare le prestazioni dell’intera finestra.


Particolare importanza assume non solo il sistema di posa del vetro nel telaio, ma anche il montaggio dell’infisso nel vano murario, con una progettazione del posizionamento dell’infisso, e una particolare attenzione alla tenuta all’aria.


Questo significa che le fughe tra telaio e muro devono risultare perfettamente sigillate con materiali idonei e che mantengano una buona funzionalità nel tempo.


Materiale del telaio
Materiale per eccellenza per l’isolamento acustico è il legno di rovere con un peso o massa maggiore.
Il legno è il materiale più quotato per gli infissi e unisce alle sue grandi qualità estetiche ottime performance di isolamento acustico e un basso impatto ambientale.


Il vetro e il distanziale
Il vetro occupa la maggior parte della superficie della finestra e, pertanto, svolge un ruolo importante nell’isolamento acustico.

Vediamo, nello specifico, alcuni esempi di valori Rw riferiti a diverse tipologie di vetri.

  • Un vetro singolo da 4 mm ha un potere fonoisolante molto basso, circa 25 dB. Ovviamente, aumentando lo spessore del vetro, aumenta anche l’indice di isolamento acustico. Ma un vetro spesso 20 mm, anche se raggiunge un potere fono isolante di 33 dB, peserebbe troppo e, inoltre, andrebbe a perdere capacità di isolamento termico.
  • Un vetro camera standard, con doppia lastra di uguale spessore, come per esempio un 4:16:4 ha un potere fono isolante di circa 34 dB. Stesso discorso di prima se si aumenta lo spessore del vetro, dove si può raggiungere un potere di 41 dB con un vetro camera 8:16:8.
  • Le migliori prestazioni di isolamento acustico vengono offerte da vetro camera con lastre di spessori differenti. Possiamo così avere un potere fono isolante di 36 dB con un vetro camera 6:16:8 o un valore rw di circa 39 dB con un 6:16:10.


La soluzione, quindi, che assicura il miglior risultato è quella che prevede un vetro camera con lastre di spessore diverso, in cui una delle due sia costituita da un vetro stratificato con plastico fonoisolante.


POMPEJA monta di serie, nei suoi infissi, doppi vetri 33.1 sia all’interno sia all’esterno delle vetrate, raggiungendo un abbattimento acustico di circa 34 dB.


Inoltre, all’interno del vetro camera, non va sottovalutato il distanziale (comunemente chiamato canalina).
Un distanziale metallico, per la sua struttura rigida, è maggiormente soggetto a vibrazioni (e quindi a propagazione dei rumori), che sono invece attenuate da un distanziale in gomma.


Le guarnizioni
Le guarnizioni svolgono un ruolo molto importante, perché bilanciano i movimenti dei serramenti e impediscono che si creino spazi dai quali potrebbero passare i rumori.


La tenuta ermetica dei telai della finestra è un elemento molto importante per garantire un alto isolamento acustico.


Per questo è sempre preferibile impiegare serramenti con almeno due guarnizioni, anche se l’ideale sarebbero tre guarnizioni di tenuta. Questo perché, come detto prima, una tenuta non perfetta può causare spazi vuoti ed incidere moltissimo sull’isolamento acustico.


Tutte le finestre POMPEJA, per esempio, sono dotate (di serie), oltre alle guarnizioni sul telaio, anche di una guarnizione perimetrale acustica sotto la battuta dell’anta in modo da ottenere un migliore isolamento acustico.

 

Conclusioni

Soprattutto se si vive in zone trafficate, in prossimità di attività ricreative, di impianti industriali o aeroporti, avere delle finestre con un ottimo isolamento acustico diventa vitale per una vita serena.
Non sottovalutare il problema. Se devi acquistare nuove finestre, fatti consigliare da un professionista del risanamento energetico del foro finestra che stia attento alle tue necessità invece di tentare di venderti quello che conviene a lui.


Se vuoi saperne di più contattaci e ti indicheremo il Rivenditore Autorizzato Pompeja più vicino a te che saprà rispondere a tutte le tue domande.

NEWSLETTER

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle ultime offerte e novità.
Privacy e Termini di Utilizzo

Azienda

Pompeja
La grande finestra italiana

È un marchio Casciello Bernardo

Via Astolelle (III trav) 10
80045 Pompei (NA)
Italy

Specialisti in:

Contatti

Ci contatti per qualsiasi informazione saremo lieti di esserle utili.

Tel. (
+39 081 863 03 51

Fax () 
+39 081 856 19 71

E-mail (
info@pompeja.it

Certificazioni

Seguici Su

© Casciello Bernardo - P.iva 03074651211